Federal Alliance of European Federalists

SOS EUROPA - UN APPELLO ALL'UNITÀ

PER L'ANIMA DELL'EUROPA E PER LA VITA E IL SOSTENTAMENTO DI MILIONI DI EUROPEI

Le decisioni critiche vengono prese in momenti critici e cambiano il corso della storia. Chiediamo un balzo in avanti nella storia europea attraverso la creazione di una Federazione Europea, inizialmente tra quei paesi e popoli che attualmente non si trovano ben serviti dall'Unione Europea in un momento di estremo bisogno. Vogliamo che il progetto di unificazione europea abbia successo. Per farlo, deve tenere conto degli interessi e degli approcci di tutti i paesi partecipanti. Se almeno 9 paesi dell'UE si uniscono alla Federazione, questa può essere legalmente riconosciuta come una "forma di cooperazione rafforzata" secondo il Trattato di Lisbona dell'UE, creando così un nucleo federale all'interno dell'UE.

Altre lingue

Italiano

Ελληνικά

Français

Português

Español

Mentre la pandemia Covid-19 continua a diffondersi nel mondo, causando morte e distruzione economica, un'altra battaglia infuria: una battaglia per l'anima dell'Europa.

Nei paesi dell'UE più colpiti dalla malattia è diffusa la sensazione che la solidarietà e la leadership europea siano solo parole altisonanti che non si traducono in azioni concrete quando sono più necessarie. Nonostante alcune eccezioni degne di nota, la verità è che ogni paese è stato abbandonato a se stesso, senza il sostegno dei fratelli e delle sorelle dell'UE, mostrando la fragilità del progetto europeo.

Ciò che è ancora più dannoso è che con l'economia praticamente ferma a causa del blocco reso necessario dal virus, alcuni partner dell'UE si rifiutano di considerare l'emissione di "coronabond" per iniettare liquidità nel sistema in tutta l'Eurozona. Così i singoli governi sono lasciati a se stessi, privati di uno strumento fondamentale di politica pubblica - la regolazione della massa monetaria e la fornitura di pacchetti di stimolo per l'economia. Un progetto costruito sulla sfiducia e la mancanza di solidarietà, accordi che beneficiano solo una parte e non il tutto, non può durare a lungo.

Lanciamo quindi un severo avvertimento sul futuro del progetto europeo e invitiamo i leader degli stati membri e delle istituzioni centrali dell'UE a sedersi nella piena consapevolezza delle loro responsabilità storiche e ad elaborare un piano che giovi tutti i paesi e i cittadini europei. Questo sarebbe dovuto accadere ieri, ma non può aspettare oltre domani.

Chiediamo ai leader dei 14 stati membri dell'UE attualmente favorevoli agli "eurobond" - Francia, Italia, Spagna, Belgio, Grecia, Portogallo, Slovacchia, Irlanda, Lituania, Slovenia, Lettonia, Estonia, Cipro e Lussemburgo - con il sostegno di qualsiasi altro paese dell'UE che la pensi allo stesso modo, di prendere misure immediate per stabilire una Federazione europea attraverso l'adozione di un Costituzione federale. Unendo così le forze e creando istituzioni di reale unità e sostegno reciproco, una tale Federazione sarà in grado di parlare con una sola voce al Consiglio europeo e nei confronti delle altre istituzioni dell'UE, compresa la Banca centrale europea e persino il resto del mondo.

In una Federazione ben strutturata, una Costituzione federale garantisce una chiara divisione tra i poteri degli organi federali e i poteri degli Stati membri sovrani. Un organo federale centrale si occupa solo del interessi comuni di tutti degli stati membri e dei cittadini (diritti civili, protezione dell'ambiente, il problema del cambiamento climatico, la crisi dei migranti, la politica estera/difesa, la moneta comune e naturalmente le emergenze come l'attuale pandemia di Covid19). In tutti gli altri campi, gli stati membri rimarranno sovrani, mantenendo le proprie istituzioni, tradizioni, ecc. Nessun opt-out, nessuno spazio per l'egoismo di parte a livello nazionale.

Speriamo che alla fine tutti i paesi dell'UE accetteranno di unirsi a un'entità politica più affiatata di questo tipo. Per il momento, tuttavia, i paesi attualmente meno serviti dagli approcci e dalle politiche dell'UE dovranno essere quelli che porteranno alla nascita della Federazione e negozieranno per il cambiamento.



31 marzo 2020

Leo Klinkers, presidente e cofondatore della F.A.E.F. (Alleanza federale dei federalisti europei);

Lorenzo Sparviero, cofondatore della F.A.E.F. (Alleanza Federale dei Federalisti Europei);

Michel Caillouët, cofondatore della F.A.E.F. (Alleanza Federale dei Federalisti Europei);

Catherine Guibourg, cofondatrice della F.A.E.F. (Alleanza federale dei federalisti europei);

Peter Hovens, cofondatore della F.A.E.F. (Alleanza federale dei federalisti europei);

Mauro Casarotto, segretario e cofondatore della F.A.E.F (Alleanza Federale dei Federalisti Europei);

Georgios Kostakos, FOGGS (Foundation for Global Governance and Sustainability), direttore esecutivo;

Martina Scaccabarozzi, + Europa Milano;

Koen van Bremen, Federalismo per la pace;

Francesco Paolo Sgarlata, direttore di Europe Today.

>
it_ITItaliano